08 giugno 2011

Fragile bisbiglio


I rapporti tra le persone sono come la voce: i più belli somigliano a un bisbiglio… fragile, leggero, intimo. Un bisbiglio che si perde nell’aria se non è sussurrato dolcemente all’orecchio di coloro che ami.
Vivono dei sensi, tutti e cinque i sensi. L’udito, perché se non si sa ascoltare forse non si sa nemmeno voler bene. Il tatto, perché accarezza l’animo di chi si ha di fronte. L’olfatto, perché riesce a riconoscere il profumo di sincerità.
La vista, perché supera, e non di poco, il muro dell’apparenza.
Il gusto, perché pretende continuamente sapori, esperienze e sensazioni nuove. Lontano anni luce ma che quasi si confonde con tutto il resto, c’è il chiacchiericcio. Un chiacchiericcio di parole spezzate e affetto saltuario. Ne sono piene le strade e i locali il sabato sera.
Ancora più giù, quasi poggiate al suolo, ci sono le urla. Le urla di città intere, di migliaia e migliaia di uomini che, pur stando tanto vicini da potersi tenere per mano, preferiscono ignorarsi. Sono uno accanto all’altro, circondati da grattacieli di egocentrismo, e riescono a udire solo gli echi reciproci, finché non si dissolvono nel vento e ognuno torna alla propria affannata, triste, malinconica esistenza.

32 commenti:

Paòlo ha detto...

Ben detto, le urla sono pesanti e si perdono per terra. Per fortuna ogni tanto arriva la pioggia per ripulire da queste urla. Bel post :-D

Laura ha detto...

Le urla le urla...certe urla non le sopporto...a volte poi ci sono quelle mute che non si sentono...e quelle sono le più pesanti. Bel pezzo Marcello.

... daisy... ha detto...

Le urla silenziose di chi è disperato e sta male quelle si che tagliano come una lama affilata. Fanno malissimo e il brutto è che se guardi negli occhi di queste persone riesci proprio a leggere il dolore muto. Ma come in tutte le cose ci sono anche i contrari... le risate silenziose, quelle che ti fanno brillare gli occhi, quelle che nascono dal quel profondo senso di felicità che si prova in poche ma preziose situazioni nella vita... :-)

Joe Black ha detto...

Ciò ke hai così ben scritto, Marcello è tristemente vero. Potremo ogni tanto guardare un pò più in là dell'apparenza ed ascoltare le voci di chiede un qualcosa eppure.....i nostri sensi sono così egoisti che riescono a far tacere ogni sensazione, ignorando tutto!!!!!!
Buona serata, Marcello
Complimentoni
Elisena

Artemisia1984 ha detto...

Che belle parole Marcello, complimenti..

Filippo ha detto...

Sono i vicini di casa, secondo me. :)

PS: grazie per il tuo ultimo commento al mio blog. Ti rispondo qui. L'idea di "recitarle" (le poesie, ndr) mi era già venuta in mente qualche settimana fa. 4 anni passati a fare teatro saranno pure serviti a qualcosa. Ma ti farò sapere se la cosa andrò in porto. Staremo a vedere.

Ciao Marcello!

lo scrigno di Sibilla ha detto...

Non sopporto il noioso e quasi assordante chiacchiericcio dei locali.. sovrastano le parole delle persone che ti stanno attorno, i tuoi amici che sono le parole più importanti.
Le urla mute sono le urla che solo persone più sensibili sanno udire..
Bellissimi testi e bellissimo blog!
A presto...Sibilla

fenicecherisorge ha detto...

belle parole, vere e emozionanti...

L'apprendista ha detto...

Non serve scrivere versi per fare poesia. Belle parole, complimenti. Un saluto.

Aurora ha detto...

solo questo tuo incipit vale tutto quello che hai scritto...molto bello. Anche se (mi sembra ci sia pure una canzone di De Gregori che lo dice) l'amore anche quando fa rumore non dà poi così fastidio :)

Anche il tuo/vostro blog è delizioso e grazie del commento!!

"Italian Girlfriend" ha detto...

Bel pezzo, complimenti.
E' capitato spesso anche a me di sentire quel distacco e quell'egocentrismo di cui parli.E' una sensazione terribile perche' coincide con la consapevolezza di essere irrimediabilmente soli al mondo. La solitudine si e' un po' calmata da quando ho incontrato "l'anima gemella", ma anche ora, ogni tanto, ritorna. In parte resta sempre, perche' suppongo faccia parte della vita :)

Anonimo ha detto...

mica facile imparare a sentirlo il profumo di sincerità!

federica,
http://unaciliegiatiralaltra.blogspot.com/

E. ha detto...

Grazie mille per il tuo commento, mi ha fatto davvero piacere :)

LadyRevolution ha detto...

Ho sempre pensato e detto che "le emozioni più belle vanno sussurrate". L'Amore va raccontato all'orecchio della persona che ami.
Le cose belle non vanno sempre mostrate ma vissute intimamente.

E' sempre bello leggerti(vi)

ॐ Ele ॐ ha detto...

Le urla più pericolose sono quelle senza voce. Silenziose cercano di uscire dagli spazi dell'anima a volte con una smorfia di dolore altre con l'indifferenza. Meglio urlare...urlare sentimenti d'amore o di odio affinché il nostro ascoltatore sappia che la nostra anima è piena di sentimento.
Felice sabato
Ele

SophieKowalski ha detto...

Bellissime parole! ..Mi piacciono molto,i rapporti che non sono "urlati" sono i più belli..

p.s.: grazie mille per il tuo commento sul blog!
"ti potresti trovare in strane situazioni" ahahahah,mi è piaciuta! ;)

Lollo B. ha detto...

Bello leggere qualcuno che sappia scrivere.

Lollo

Marcello Affuso ha detto...

Di fretta e furia, prima di perdermi nel chiacchiericcio del sabato sera, mando un saluto e un ringraziamento a tutti voi che siete passati ad ascoltare il mio bisbiglio :-)

Marta ha detto...

Non c'è nulla di vergognoso nell'incoerenza...siamo mille persone, abbiamo mille sfaccettature, questo ci rende splendidi...
Io non sono molto pratica nei rapporti umani, dei cinque sensi, infatti, il tatto mi spaventa...però è vero che è indispensabile...i rapporti umani sono così diversi di persona in persona che fanno notare anche proprio le diversità di cui io stessa ho scritto...è bello capire a pelle...confondersi a pelle...
buffo, detto da una che non ama il tatto!

liberamentesemplice ha detto...

Mi piace questo post!
Io aggiungerei un altro senso: il cuore, anche se non è definito senso.
Ma un bissbiglio, una carezza, uno sguardo, un odore, un sapore, se c'è cuore assumono un valore aggiunto..indimenticabile.
Un abbraccio ;)
Vera

luly ha detto...

Ritorno qui. Era da un po' che mancavo. E mi ritrovo in questo, silenzioso, bisbigliato groviglio di emozioni.....
Bravo, Marcello!:)

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Molto belle le tue parole.Auguro una felice serata;salutoni a presto

isangyawriter ha detto...

Sarà che in questo periodo mi sembra di parlare una lingua diversa da quella di alcune mie amicizie...Forse se stessimo ad ascoltarci un po' di più capiremmo quello che intendiamo comunicarci, invece sembra più semplice starcene lì abbarbicate nelle nostre convinzioni e nei nostri pensieri. Grazie per avermi permesso di fare queste riflessioni ispirata da quel che hai scritto nel tuo post. Un saluto, Angela

luly ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
fragolina ha detto...

intanto ti faccio i complimenti per il tuo blog....mi piace tanto...
poi concordo pienamente con quello che dici...ciò che viene sussurrato e decisamente più bello ed emozionante.....

ps:grazie per il tuo commento sul mio blog....
a presto...buona giornata

Eva Q ha detto...

Davvero delle belle parole...non aggiungo altro per non rovinare la poesia di ciò che hai detto :)
Complimenti!!

Paola ha detto...

E' molto più penetrante un sussurro un bisbiglio... se si vuole far breccia nel cuore di ognuno... complimenti stupende parole per comporre una riflessione alquanto profonda!
Buongiorno Marcello e Jessica non so se vi aggrada ma se avete piacere di passare a ritirare il "Premio Amicizia 2011" lo trovate nello "Scrigno dei Tesori" blog dei premi... felice giornata un abbraccio!!!

Paola ha detto...

Ciò che hai scritto è molto vero: mi piace il mormorio, odio il chiacchiericcio e le urla... dipende che cosa dicono.Mi ha fatto piacere leggerti e cooscerti. Grazie di essere venuto da me.

I am ha detto...

Il chiacchiericcio .... la paura di essere soli con se stessi o con l'Amore, alcool, vuote parole, shopping.... Ma sento nell'aria un dolce profumo di cambiamento.. chissà?

Redazione ha detto...

Mi piace: elegante e vero. Penso che verrò a trovarvi qualche volta.

Roscio ha detto...

Bell'immagine quella delle parole che volano leggere e altre che precipitano al suono infrangendosi e provocando un rumore insopportabile. Vorrei vederne volare sempre di più

xtrexchiarax ha detto...

ciao , mi piace come scrivi...

Posta un commento